C’è anche la cybersicurezza in Digital Europe

Digital Europe

L’Europa risponde alla sfida della digitalizzazione dell’economia e della società con Digital Europe, lo strumento del nuovo Quadro finanziario pluriennale (QFP) per il periodo 2021-2027. Digital Europe si prefigge di costruire capacità digitali e competenze in settori come AI e sicurezza informatica.

5 i principali obiettivi del piano di digitalizzazione.

Super calcolo, intelligenza artificiale, sicurezza informatica e competenze digitali avanzate sono gli obiettivi al centro degli investimenti europei.

Poco più di 2,2 miliardi di euro della dotazione finanziaria di Digital Europe è destinato alla crescita e al rafforzamento delle capacità di super calcolo e trattamento dei dati. Obiettivo: sviluppare un’infrastruttura di dati e supercomputer di livello mondiale con un ampio raggio di aree di utilizzo.

Circa 2 miliardi di euro invece, saranno impiegati per estendere gli ambiti di applicazione dell’intelligenza artificiale, rendendola accessibile alle imprese e alle pubbliche amministrazioni.

Anche la cyber sicurezza ha un ruolo importante in questo piano di digitalizzazione. Saranno infatti, finanziate attrezzature e infrastrutture innovative destinate alla protezione dell’economia digitale. Fondamentale in questa fase è supportare lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze necessarie per gestire progetti di cyber security.

Cuore pulsante di Digital Europe è senza dubbio la formazione a breve e a lungo termine. È fondamentale promuovere tirocini sui posti di lavoro, per l’acquisizione di una maggiore professionalità nel settore.

Infine, un importante sostegno è dato all’applicazione delle tecnologie digitali più avanzate in aree rilevanti per il settore pubblico come la sanità, l’istruzione e la giustizia.

Digital Hubs centro della digitalizzazione dell’Europa.

Digital Europe prevede l’istituzione di alcuni Poli dell’innovazione digitale. I Digital Hubs sono infatti, i contesti fisici dove formazione, trasferimento tecnologico in ambito 4.0 e gestione di bandi avranno effettivamente luogo.

L’obiettivo è proprio quello di creare dei centri in grado di facilitare il trasferimento tecnologico verso le imprese europee, accrescendo la digitalizzazione dell’economia.

Per quanto riguarda l’Italia sono stati identificati 8 centri collocati in altrettante città: Torino, Milano, Bologna, Pisa, Padova, Napoli, Roma, Genova. Dopo diversi mesi di attività, oggi i centri si sono costituiti e hanno anche avviato, nonostante i rallentamenti causati dalla pandemia di covid, la realizzazione di showroom e impianti pilota per le aziende. Il Digital hub di Milano, ad esempio, è sorto nel campus Bovisa.

E la tua azienda a che punto è nel processo di digitalizzazione? Raccontacelo.

Altre notizie…

La digital transformation del Comune di Milano

La digital transformation del Comune di Milano

La digital transformation del nostro paese, ora più che mai, deve essere guidata dalla pubblica amministrazione e il Comune di Milano ne è un esempio L’emergenza Covid19 ha evidenziato come la PA abbia le potenzialità per guidare la digital transformation dell'Italia....

Core web vitals di Google

Core web vitals di Google

L’utente al centro dei Core Web Vitals: i nuovi fattori di ranking di Google che misurano la user experience dei siti web. A partire da Maggio 2021, i Core Web Vitals diventano ufficialmente uno dei fattori di ranking nel motore di ricerca più utilizzato al mondo....

Il web inquina ma possiamo fare la differenza

Il web inquina ma possiamo fare la differenza

In occasione della giornata mondiale della Terra ci siamo (ri)posti una domanda: quanto inquina il web? Un anno di limitazioni negli spostamenti ha determinato una riduzione delle polveri sottili nell’aria, dell’inquinamento acustico e un ritorno della natura che si...

Pin It on Pinterest

Share This