La user experience che fa decollare i siti

Neuromarketing e performance online

Dati e neuromarketing possono aiutare a migliorare le performance online di siti ed e-commerce. Il cambiamento delle abitudini di consumo imposto dal lockdown ha accelerato un fenomeno già noto: la progressiva digitalizzazione dell’esperienza di acquisto (ne abbiamo parlato qui).

I clienti passano sempre più velocemente da acquisti in store ad altri online e, nei primi mesi del 2020, questo fenomeno ha riguardato anche i settori più tradizionali. Diventa dunque fondamentale presidiare il digitale sia nei mercati B2B che B2C.

L’urgente necessità di adeguarsi a questo cambiamento ha spinto diverse realtà a fare la loro comparsa online in modo frettoloso e senza un’accurata progettualità. Tutto ciò è avvenuto trascurando, a volte, l’aspetto esperienziale dell’utente. È importante invece, ricordare quanto una user experience ottimale possa incrementare notevolmente le vendite e soprattutto rappresentare la chiave per la fidelizzazione del cliente.

User experience per fidelizzare i clienti.

Gli utenti infatti, si trovano quotidianamente di fronte ad un’offerta sempre più ampia di market place. Questa vastità di offerta fa sì che si privilegi non solo varietà e convenienza dei prodotti, ma anche una user experience coinvolgente e personalizzata. Una UX ben studiata è in grado di favorire la reputazione del brand e determinare un buon grado di fidelizzazione.

Accade spesso che online ci si ritrovi a dialogare con marchi che, pur facendosi portavoce di trasparenza e accessibilità, costringono gli utenti a interminabili analisi di schede tecniche, lunghi form d’acquisto e dialoghi con BOT mal programmati. Tutto ciò determina un tasso di abbandono e non ritorno dell’utente molto elevato. Ecco che allora dati e alcune nozioni di neuromarketing possono aiutare a creare esperienze di acquisto semplici e memorabili, migliorando le performance online.

Partiamo proprio dai dati. Strumenti di misurazione quantitativa delle performance digitali, gli Analytics, forniscono dati affidabili su ciò che accade online: dati sulla fruizione di una pagina, sui flussi di navigazione, sui prodotti maggiormente visualizzati.

Integrando questi strumenti di analisi classici con informazioni fornite da studi, ricerche e misurazioni di stampo neuro scientifico, si riesce ad ottenere un quadro molto completo dell’esperienza d’acquisto online. Proprio grazie all’unione tra dati quantitativi degli Analytics e neuroscienza, i brand possono migliorare la propria presenza online e proporsi in modo più convincente.

E il tuo sito garantisce una user experience ottimale? Richiedici un’analisi.

Altre notizie…

La digital transformation del Comune di Milano

La digital transformation del Comune di Milano

La digital transformation del nostro paese, ora più che mai, deve essere guidata dalla pubblica amministrazione e il Comune di Milano ne è un esempio L’emergenza Covid19 ha evidenziato come la PA abbia le potenzialità per guidare la digital transformation dell'Italia....

Core web vitals di Google

Core web vitals di Google

L’utente al centro dei Core Web Vitals: i nuovi fattori di ranking di Google che misurano la user experience dei siti web. A partire da Maggio 2021, i Core Web Vitals diventano ufficialmente uno dei fattori di ranking nel motore di ricerca più utilizzato al mondo....

Il web inquina ma possiamo fare la differenza

Il web inquina ma possiamo fare la differenza

In occasione della giornata mondiale della Terra ci siamo (ri)posti una domanda: quanto inquina il web? Un anno di limitazioni negli spostamenti ha determinato una riduzione delle polveri sottili nell’aria, dell’inquinamento acustico e un ritorno della natura che si...

Pin It on Pinterest

Share This