La Cyber security ai tempi del corona-virus

Cyber security e corona-virus

Se da un lato la digitalizzazione forzata imposta dal corona-virus ha rappresentato una leva per l’innovazione in Italia, dall’altro ha determinato la necessità di un incremento della Cyber security.

Morten Lehn, general manager di Kaspersky Lab Italia, durante un incontro virtuale con la stampa ha spiegato: “Molti non erano adeguatamente attrezzati per lo smart working, questo ha portato problemi. Tanti comportamenti hanno creato una serie di difficoltà sul fronte della sicurezza”.

In questo senso, le piccole e medie imprese sono state quelle ad avere maggiore difficoltà. “Le PMI che non erano pronte a digitalizzare il lavoro e i propri processi e non avevano le risorse, hanno dovuto trovare un partner in poco tempo che li aiutasse”, ha spiegato Lehn.

Alla base di tutto una nuova consapevolezza sull’importanza della Cyber security: “La sicurezza è la premessa per fare smart working” e tutelare dipendenti e aziende.

Ma quali sono gli attacchi più comuni?

Il Cyber crime non si è fermato con l’epidemia di corona-virus, anzi. I ransomware sono stati la tipologia di attacco più diffusa in questi mesi. Grandi quantità di file e dati sono stati presi di mira con conseguenze deleterie per le aziende.

I ransomware cercano di compromettere l’intera infrastruttura IT. Negli Stati Uniti ad esempio, questo genere di attacchi è rivolto contro le PA: amministrazioni locali, le università e gli ospedali. In Europa invece, sono molto più diffusi gli attacchi contro PMI e Corporation. Tra gli attacchi che hanno fatto più clamore negli USA, c’è quello messo in atto ai danni di un centro di ricerca, che stava studiando un vaccino contro il Covid-19.

Questi attacchi ransomware non mirano solo alla cifratura dei dati delle vittime, alle quali poi è richiesto un riscatto per ripristinare i sistemi, ma anche alla sottrazione di informazioni, con la minaccia di renderle pubbliche. Ingenti danni vengo inflitti a brand e aziende, sottoposte al rischio di appropriazione di informazioni riservate da parte della concorrenza.

Ora più che mai diventa indispensabile dotarsi di soluzioni in grado di individuare i rischi prima che diventino troppo complessi e comportino gravi problemi.

Investire in sicurezza però, non vuol solo dire soltanto adottare strumenti tecnologici affidabili. È necessario infatti, diffondere conoscenza e consapevolezza, in modo che dipendenti e manager sappiano riconoscere eventuali minacce.

E a voi è mai capitato qualcosa di simile? Soluzione Informatica protegge i propri clienti appoggiandosi a brand leader come Kaspersky. Per maggiori informazioni contattateci.

Altre notizie…

5 consigli per far crescere il tuo e-commerce

5 consigli per far crescere il tuo e-commerce

Il 2020 ha determinato una crescita esponenziale del settore e-commerce in tutto il mondo. Eppure non tutte le piccole medie imprese sono riuscite a raggiungere significativi risultati di crescita, nonostante gli investimenti nel settore.  Quali sono gli accorgimenti...

Didattica digitale: l’apprendimento per tutti

Didattica digitale: l’apprendimento per tutti

Il nuovo DPCM ha riconfermato l‘importanza della didattica a distanza nella sua nuova versione: la didattica digitale integrata. Ma facciamo un po’ di chiarezza. Il Covid ha messo in stand-by i sistemi educativi italiani (e non solo) e la nostra socialità di contatto,...

I chatbot nuova frontiera dell’assistenza

I chatbot nuova frontiera dell’assistenza

Assistenza immediata ai clienti, ma non solo grazie ai chatbot. Gli assistenti conversazionali come i chatbot rappresentano la nuova frontiera del servizio al cliente. Dialogano o scrivono come un umano, sono veloci ed efficienti e spesso non sembrano nemmeno essere...

Pin It on Pinterest

Share This