Termoscanner e GDPR

Termoscanner e GDPR

Tra le misure adottate nella “fase 2” per contenere il contagio ci sono anche i termoscanner: tecnologie per il controllo degli accessi ai luoghi pubblici. Le informazioni acquisite da queste tecnologie rendono fondamentale la conformità di dispositivi simili alla normativa sulla tutela della privacy (GDPR).

I dispositivi digitali come i termoscanner permettono di ottenere il rilevamento di dati biometrici (tratti del volto) e la misurazione della febbre.

Ma come far convivere l’utilizzo di termoscanner con il GDPR?

Innanzitutto, all’interno delle aziende, è bene suddividere gli ingressi dei soggetti dipendenti, da quelli dei visitatori occasionali (clienti di passaggio, fornitori, collaboratori esterni).

I lavoratori dipendenti dovranno essere informati sulle modalità di rilevamento della temperatura al momento dell’accesso. La comunicazione dovrà essere fornita tramite avvisi ben esposti e visibili a tutti (in questo senso i totem informativi sono il miglior supporto).

La trasparenza verso i dipendenti in merito alle soluzioni tecnologiche impiegate costituisce uno degli adempimenti essenziali posti a carico del datore di lavoro, sia dalla normativa in materia di data protection, che da quella lavoristica. Il titolare deve sempre fornire ai dipendenti informazioni concise, trasparenti, facilmente accessibili e formulate con un linguaggio semplice e chiaro.

Tecnologie attendibili e accurate.

Le tecnologie adottate devono essere inoltre, attendibili e accurate e garantire un trattamento dei dati personali il meno possibile invasivo. A questo proposito, il fornitore della tecnologia deve essere in grado di dare garanzie in termini di affidabilità e sicurezza.

È buona prassi sottoporre la contrattualistica tra fornitori e datore di lavoro all’analisi di personale o consulenti con competenze adeguate, anche (e soprattutto) quando ci sono di mezzo ambienti digitali. Ecco perché, se l’azienda ha designato un Responsabile per la Protezione dei Dati, è consigliabile coinvolgerlo sin dalle prime fasi dell’assessment.

È importante inoltre, che il titolare conosca le caratteristiche dello strumento acquistato e che abbia fornito istruzioni precise sulle regole comportamentali da attuare qualora si superino i 37,5°.

In conclusione, è fondamentale che l’adozione di dispositivi per la misurazione della temperatura in ambito lavorativo e non, rispetti la disciplina in materia di privacy.

La situazione d’emergenza attuale non è infatti, sufficiente a dimenticare in toto la normativa in materia di protezione dei dati. È fondamentale attuare un efficiente processo di selezione e implementazione di soluzioni tecnologiche innovative, come i termoscanner, finalizzate a contrastare il coronavirus e assicurare la conformità dello strumento prescelto al GDPR.

Servono maggiori informazioni? Contattaci.

Altre notizie…

SI-STORE.. è arrivato

SI-STORE.. è arrivato

Nasce SI-STORE l’infocommerce by Soluzione Informatica che racchiude le migliori offerte dal mondo dell’IT e l’affidabilità di brand leader. Prodotti nuovi, ricondizionati in ottime condizioni e open box con promozioni particolari sono disponibili al'interno del...

Stanziamento fondi per ecommerce

Stanziamento fondi per ecommerce

L’emergenza Corona Virus e la conseguente chiusura degli esercizi commerciali, ha fatto riscontrare un +60% di traffico verso il mondo web e un’impennata di richieste si registra soprattutto, nel mondo del commercio elettronico. L'ecommerce diventa lo strumento per la...

La Cyber security ai tempi del corona-virus

La Cyber security ai tempi del corona-virus

Se da un lato la digitalizzazione forzata imposta dal corona-virus ha rappresentato una leva per l’innovazione in Italia, dall'altro ha determinato la necessità di un incremento della Cyber security. Morten Lehn, general manager di Kaspersky Lab Italia, durante un...

Pin It on Pinterest

Share This