Il 14 Gennaio termina il supporto per Windows 7

Dismissione Windows7

Rilasciato il 22 ottobre 2009, Windows 7 si prepara a uscire di scena entro il 14 Gennaio 2020. A partire da questa data, l’assistenza tecnica e gli aggiornamenti software di Windows Update, necessari per proteggere i PC, non saranno più disponibili.

Da Aprile 2019, Microsoft gestisce questa “imminente fine” mostrando un avviso agli utenti di Windows 7. Nonostante questi avvertimenti e la massiva diffusione di Windows 10, dati recenti diffusi da Statcounter, rivelano che Windows 7 è ancora il secondo sistema operativo più diffuso al mondo.

Windows 7 termina: cosa comporta?

Stop agli aggiornamenti, difficoltà nell’utilizzo di alcuni programmi e soprattutto, un maggior rischio per la sicurezza dei dati; sono queste, in concreto, le ripercussioni del cambiamento.

Ogni software che Microsoft immette sul mercato è infatti, accompagnato da un periodo di supporto, durante il quale l’azienda garantisce disponibilità di aggiornamenti, assistenza telefonica e online. La durata esatta del periodo di supporto varia in base al tipo di software.

Nel caso di Windows 7 e degli altri sistemi operativi per PC, si parla di 10 anni di supporto suddivisi in:

  • 5 ANNI DI SUPPORTO PRINCIPALE (mainstream): per i primi 5 anni di vita del sistema operativo, Microsoft garantisce il supporto telefonico e online e rilascia periodicamente sia patch di sicurezza, che miglioramenti alle prestazioni, supporto a nuovo hardware e funzionalità a contatto con l’utente.
  • 5 ANNI DI SUPPORTO ESTESO (extended): durante gli ultimi 5 anni di vita del sistema operativo, Microsoft invece, rilascia solo aggiornamenti di sicurezza.

Windows 7 ha vissuto la prima fase fino al 13 gennaio 2015. Da lì in poi, il prodotto è entrato nella fase di “supporto esteso” durante la quale ha ricevuto esclusivamente aggiornamenti di sicurezza. Anche questo secondo periodo è ormai al termine.

La criticità risiede nella sicurezza.

Terminati i 5 anni aggiuntivi Microsoft dunque, non distribuirà più patch di sicurezza, nemmeno in caso di problematiche critiche come, ad esempio, attacchi al PC. Una conseguenza importante che, rende le macchine vulnerabili e maggiormente attaccabili.

Va detto che questo non significa che il prodotto smetta di funzionare.

A partire dal 14 Gennaio infatti, tutti i computer dotati di Windows 7 continueranno a funzionare, ma non saranno più garantiti patch di sicurezza.

Per venire incontro alle esigenze e alle tempistiche di pubbliche amministrazioni, enti governativi e grandi aziende, Microsoft ha attivato un servizio in abbonamento. Il servizio sarà valido ancora per 3 anni e permetterà di continuare a ricevere aggiornamenti per Windows 7, anche dopo la data di fine supporto.

Va detto però che i costi e i servizi offerti non rendono questa soluzione vantaggiosa.

Come procedere allora?

La raccomandazione che i tecnici specialisti di Soluzione Informatica si sentono di dare è di abbandonare il sistema operativo obsoleto.

Windows 10 è la scelta ottimale: corretto funzionamento e continui aggiornamenti e migliorie.

L’utente può scegliere di: acquistare un nuovo PC con installato il nuovo sistema operativo, oppure aggiornare il sistema obsoleto.

Se il computer con Windows 7 che si sta utilizzando è antecedente all’anno 2012, ha meno di 4 GB di RAM e naviga di frequente sul web, è consigliabile acquistare una nuova macchina. In questo modo si disporrebbe di un sistema operativo moderno e di un hardware di ultima generazione.

E tu, hai già abbandonato Windows 7 o hai intenzione di farlo a breve? I nostri tecnici sono a completa disposizione per analizzare il vostro PC e valutare con voi la soluzione migliore. Soluzione Informatica propone la migliore tecnologia anche in formula di noleggio.

Altre notizie…

Sanità e GDPR: come stanno convivendo?

Sanità e GDPR: come stanno convivendo?

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo in queste settimane ci pone davanti ad una sfida importante: far funzionare meglio la sanità con l’ausilio dei dati digitali. Ma come stanno convivendo GDPR e sanità digitale? Strumenti come i fascicoli sanitari elettronici si...

VPN e smart working: sicurezza prima di tutto

VPN e smart working: sicurezza prima di tutto

In questa situazione di emergenza centinaia di lavoratori si trovano a dover lavorare in smart working. Ma quali sono gli accorgimenti da adottare per lavorare in totale sicurezza anche da casa? Innanzitutto bisogno dotarsi di una VPN che garantisca la massima...

Smart working: quando e perché sceglierlo

Smart working: quando e perché sceglierlo

3 giorni al mese di smart working aumentano la produttività, accrescono i guadagni e diminuiscono l’impatto ambientale. È questo il risultato di 3 anni di studi portati a termine da una società mantovana specializzata in work-life balance e change management. La legge...

Pin It on Pinterest

Share This