Si è conclusa ieri la seconda edizione di Milano Digital Week, la settimana dedicata all’innovazione che ha preso vita in diversi luoghi del capoluogo lombardo. Workshop, conferenze, laboratori e installazioni hanno fatto da protagonisti nei cinque giorni focalizzati sul tema dell’intelligenza urbana. Come raggiungere questo binomio? Attraverso una progressiva “alfabetizzazione digitale”.

Robotica, intelligenza artificiale, blockchain e IOT hanno fatto da cornice ad una serie di iniziative finalizzate all’educazione digitale.

Guardare al futuro per promuovere una progressiva digital transformation, è l’obiettivo dell’economia 4.0. Erogare servizi ad alto tasso tecnologico diventa il valore aggiunto di prodotti e aziende, operanti in tutti i settori. Proprio a questi stakeholders si richiede di non limitarsi a promuovere nuove tecnologie, bensì farsi portavoce di modelli di business che favoriscano l’alfabetizzazione digitale.

Una maggiore conoscenza del mondo digitale e più nello specifico del web, tutela gli internauti e promuove un utilizzo responsabile di Internet e dei canali social.

Si prefigge proprio di partire da qui l’iniziativa Zero Bullismo, un progetto rivolto a scuole e giovani utenti, che vuole informare e responsabilizzare ragazzi e genitori sui molti rischi legati all’uso di Internet e dei social network. A questo scopo, diverse sono state le istituzioni, le università, le aziende, le start up e gli istituti di ricerca che sono intervenuti nelle giornate di Digital week. 

Milano e la Lombardia riconfermano così, il loro primato e il loro impegno nel farsi portavoce della trasformazione digitale!